PERCH╚ MAIL ART

IL FUTURO DELLA MAIL ART

Che cosa riservano gli anni a venire a questa forma d’arte? Quello che riservano a tutti, nuove tecnologie, nuovi supporti che faciliteranno il viaggio postale e la stessa emissione del messaggio.

Dopo pi¨ di 40 anni sarebbe assurdo parlare di fine, la mail art Ŕ troppo giovane ancora per questo. Ha resistito a molti cambiamenti ed ha ancora molta strada da fare, molti sentieri da percorrere. FinchŔ esisterÓ la necessitÓ di un uomo di comunicare, quello sarÓ il luogo del circuito. E’ davvero un’arte sovversiva? Forse, per qualcuno. Pi¨ che altro, Ŕ un’arte d’avanguardia. E tale rimarrÓ, non impegnata sul piano pubblico, o politico che si voglia, ma impegnata sul fronte umano. E infatti vive della multietnicitÓ tanto sbandierata in questi nostri tempi che si fatica ad accettare come una realtÓ di fatto. La mail art va al di lÓ della razza, dell’etnia, del colore politico.

Si pensi alla Posta, al suo disservizio spesso lamentato dai cittadini. PerchÚ un gruppo di artisti ha eletto il mezzo postale come veicolo? Forse il viaggio presente in ognuno di noi, una spinta ad andare pur rimanendo ben saldi nel terreno dove sono le proprie radici.

Noi spediamo la nostra arte, quello che siamo e vogliamo esprimere. La busta va, fino ad arrivare nelle mani di un postino ignaro del suo contenuto. Lui non sa di essere un tassello fondamentale di questo puzzle mondiale. Ignaro, guarda un francobollo straniero, incuriosito, lo deposita in una cassetta. Non sa, e forse non lo saprÓ mai, di quanto importante sia stato il suo trasporto. Quel filo di Arianna che continua a far viaggiare arte per il mondo.



 

Vai al Capitolo precedente Torna all'Indice
Vai alla Galleria delle Immagini
Vai al Capitolo successivo